venerdì 18 aprile 2014

SALVIAMO LE API ! ! !






SalviamoLeApi.org, un film e una petizione per fermare il declino delle api


Comunicato stampa - 2013-06-06
Per salvare le api, minacciate dai pesticidi killer, Greenpeace lancia il sito SALVIAMOLEAPI.ORG e in esclusiva il trailer italiano del film-documentario "Un mondo in pericolo" (More than honey) del regista svizzero Markus Imhoof che descrive, con riprese spettacolari, la vita delle api minacciate dai pesticidi che la campagna di Greenpeace chiede di bandire (https://www.youtube.com/watch?v=MjMpNCIQcaw).
Grazie a una tecnologia di ripresa estremamente evoluta e dopo cinque anni di intenso lavoro, immagini impressionanti e uniche ci mostrano la vita all'interno di un alveare e il dramma della moria delle api. La collaborazione con la casa di distribuzione del film, Officine UBU, permette a tutti di entrare nel microcosmo di insetti tanto piccoli quanto insostituibili.

Sul sito http://salviamoleapi.org/, si può aderire alla petizione per chiedere il bando dei pesticidi killer delle api. Indirizzata all'attuale ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, la petizione chiede di vietare l'uso dei pesticidi dannosi per api e impollinatori a cominciare dai sette più pericolosi (clothianidin, imidacloprid, thiametoxam, fipronil, clorpirifos, cipermetrina e deltametrina), adottare piani d'azione per gli impollinatori al fine di sviluppare pratiche agricole non dipendenti da prodotti chimici e incrementare la biodiversità in agricoltura.

Sul sito di Greenpeace sono disponibili inoltre le video testimonianze di apicoltori italiani ed europei, che raccontano i fenomeni di morie delle api (https://www.youtube.com/watch?v=H0pHafcRoTo&feature=youtu.be) e ricordano che tutti possiamo fare qualcosa per difenderle. 
È possibile scaricare dal sito un kit di azione con un volantino informativo, moduli raccolta firme per la petizione, cartello per identificare "aree salva-api" - da mettere in giardini, orti e balconi dove non vengono utilizzati insetticidi -  informazioni sui fiori utili a fornire polline e quindi cibo per api e impollinatori e le istruzioni per costruire un rifugio per le api selvatiche.

"Le api e gli altri insetti impollinatori sono i migliori alleati degli agricoltori, fondamentali per la produzione di cibo. Per fermare il loro declino, dobbiamo vietare l'uso dei pesticidi più dannosi e investire invece sulla sostenibilità: meno sostanze chimiche, più finanziamenti per ricerca, sviluppo e applicazione di pratiche agricole ecologiche" dichiara Federica Ferrario, responsabile campagna Agricoltura Sostenibile di Greenpeace. Fino al 35 per cento della produzione mondiale di cibo dipende dal servizio di impollinazione naturale offerto da questi insetti. Delle 100 colture da cui dipende il 90 per cento della produzione
 globale di cibo, 71 sono legate al lavoro di impollinazione delle api. Solo in Europa, ben 4 mila varietà agricole dipendono dalle api.

A partire dalla fine degli anni '90, molti apicoltori (soprattutto in Europa e Nord America) hanno iniziato a segnalare un preoccupante spopolamento nelle colonie di api. Nel nostro continente il fenomeno ha riguardato principalmente i Paesi dell'Europa centrale e meridionale, raggiungendo punte del 53 per cento di mortalità.

sabato 12 aprile 2014

mercoledì 2 aprile 2014

HI FRANKIE ! ! !






Frankie Knuckles, il padrino della house come era conosciuto nell’ambiente della musica, è morto stanotte per complicazioni legate al diabete di cui soffriva da tempo.
Aveva 59 anni.il suo mix di musica disco e pezzi soul assieme alla drum machine creò un genere tutto nuovo per i clubbers incalliti che frequentavano locali come il Music Box o il Warehouse, fino ad avere un posto tutto suo dal profetico nome di Power Plant (centrale elettrica), dove stabilì le basi e le radici del fenomeno del clubbing.
Esperto e prolifico produttore di remix, Frankie Knuckles si unì a David Morales per fondare la Def Mix Productions,e fu l'house music.
Nel 2005 Frankie Knuckles ricevette la consacrazione definitiva con l’ingresso nella Dance Music Hall Of Fame.
Hi Frankie,"noi" non ti dimenticheremo!


 (prima di far partire il pezzo mettete il volume a tavoletta)


In loving memory 

I'll Be Your Friend....forever


domenica 30 marzo 2014

RIFLESSIONE ! ! !



Questo blog esiste dal 1 giugno 2009,e cioè da ben 1762 giorni,ora come amministratore dello stesso ho sempre tenuto fede alla regola di pubblicare solo ed esclusivamente notizie che oltre ad essere verificate,essere rispondenti alla netiquette corrente,essere per quanto possibile scritte o diffuse in modo imparziale,ecc,ecc,fossero sempre notizie degne di questo nome.
Naturalmente ciò significa che in mancanza di notizie adeguate qui si preferisce tacere piuttosto che riempirvi le cache,e la testa di pattume,e si preferisce tacere piuttosto che alimentare il noto fenomeno della ridondanza .
Ecco così spiegato anche perchè non pubblichiamo nulla da ben 13 giorni. Quindi sappiate tutti che non siamo in ferie,ma vi facciamo semplicemente la gigantesca cortesia di tacere quando questa è la scelta migliore per tutti!



mercoledì 5 marzo 2014

LO STAFF QUESTO SCONOSCIUTO ! ! !



Una cosa davvero non capisco,proprio ieri sera mi riguardavo l'ennesimo intervento di Grillo che ancora una volta ripeteva: io da subito ho detto faccio questo,faccio quello,quindi non capisco perchè vi stupite che resto coerente,e invece di farmi i cazzi miei,tenermi soldi,ecc,vado diritto per la mia strada!

E aggiungeva (ancora una volta),rivolgendosi a chi l'aveva votato che il voto al M5S era stato chiesto,e doveva essere un voto di chi fa,e non di chi sta a guardare,o cerca un "salvatore",spiegava inoltre che chi l'aveva votato non tenendo conto di quanto detto sopra AVEVA SBAGLIATO!
Sosteneva poi con parole sue che in questo ultimo caso questo voto/i errato/i era disposto a renderlo/i indietro!

Ecco,alla luce di quanto appena affermato io davvero non capisco...ciò che chiamiamo "talebano",ovvero tutti quei produttori di sottocommenti sul suo blog,e anche su altri siti,vedi FQ,oppure FB per es. che con atteggiamenti univocamente "pecorecci" si scagliano senza riflettere contro chiunque scriva un qualcosa,o peggio faccia,o dica un qualcosa non marcatamente e spudoratamente a favore di colui che si sono auto eletti a novello "salvatore".

Eppure come già scritto sopra Grillo ha ripetuto,e ripete alla nausea che chi fa così ha sbagliato a votarlo,precedentemente li offese a morte (quelli con un mimimo di comprendonio) chiamandoli "schizzi di merda digitali",e prima ancora con "l'editto" chiamato com. pol. n°53,che formalmente definii l'attivista online come utile idiota,e spianò la strada per i famosi trombati in direzione Montecitorio.
Per non parlare poi del non statuto sostituito da una vergogna di statuto che chiarisce bene il tutto,ma che viene ignorato come fosse inesistente perfino dai "Di Maio" che regolarmente citano appunto il non statuto come non sapessero che non è più valido da un sacco di tempo.

Giuro! Davvero non capisco,vabbè!

In finale due righe sul misteriosissimo STAFF,del quale nonostante si sia in epoca digitale si sa poco o nulla.

Lo staff è composto da un numero x di dipendenti della Casaleggio Associati (e non da attivisti iscritti al M5S),che fa capo a Davide Casaleggio,il quale poi risponde a suo padre (noto "guru"). Si tratta quindi di dipendenti (posso aggiungere giovani) di un attività commerciale nel campo dei servizi con uffici siti in Milano,via Morone 6 ,20121 (MI),i quali (come si sa da un noto tentativo d'intervista) sono tenuti al silenzio,ed al più stretto riserbo su qualsiasi argomento,difatti imbarazzatissimi fuggono via davanti a qualsiasi microfono,o telecamera.

Naturalmente i "talebani" di cui si parlava prima riconoscono a codeste figure,senza il minimo problema tutta l'autorità che il loro ruolo volenti o nolenti gli assegna,asserendo cose tipo: se Grillo ha deciso così allora è tutto ok!

...e tutto ok!








venerdì 7 febbraio 2014

ROBA LIBERA ! ! !

Vauro fa il vignettista,e si occupa di satira politica. Il diritto di satira,la libertà di stampa,e il diritto di diversità di vedute sono dalla sua parte. Qualsiasi sia il "tuo" orientamento politico schierarti contro i suoi lavori è contro ogni ragione,ed ogni logica,se sei una persona onesta che vuol anche vivere libera.
Il tutto naturalmente vale anche per Grillo e Crozza (comici satirici) , per Ellekappa, Ignant, S.Disegni, Giannelli, Vincino, Staino, Altan , Forattini,Pillinini,il fu Angese,Krancic,Vukic,e tanti,tanti altri,(tutti vignettisti di satira),e per i blogger che si occupano degli stessi temi come: Wil nonleggerlo,lo staff di Spinoza,Pinoz 6700 (me stesso),Gazzellanera,La sora Cesira,il portinaio,A. Lombroso,S.Bulgarella,C.Messora,Don Zauker,e tantissimi altri (blogger che si occupano di satira e di informazione politica).
Attenti al pensiero uniformato,questo si,tipico di tutti i regimi visti dalla storia!



sabato 1 febbraio 2014

MENO CINQUE ! ! !





È morto Giorgio Stracquadanio

L’ex parlamentare del Pdl era malato di tumore. Aveva 54 anni.



Per carità eh! Lunga vita a tutti e pietà per lui ... ma quanto benessere per l'umanità se tutti gli altri mascalzoni e mangiapane a tradimento lo raggiungessero in cielo al più presto!

 E quanti padri di famiglia, morti suicidi, in meno!


F.C.I





venerdì 31 gennaio 2014

SPINOZ - OFF



Massimo De Rosa alle parlamentari del Pd: “Siete qui solo perché brave a fare pompini”. Ma l’ultima parola spetta alla rete.

La deputata Giuditta Pini replica a De Rosa: “Ho preso 7100 preferenze in tre giorni. Mi fa ancora male la mascella”.


lunedì 27 gennaio 2014

COME FARE LA SPESA A META' PREZZO ! ! !


IL TRUCCO PER ACQUISTARE I PRODOTTI DI MARCA A META' PREZZO.



Molte persone non lo sanno ma esiste il modo per acquistare prodotti realizzati da marchi famosi a metà prezzo, il trucco, peraltro molto semplice, consiste nello scegliere sottomarche che sono però realizzate da marchi importanti. 
Vi chiederete, ma perchè un marchio importante dovrebbe realizzare anche sottomarchi che costano la metà? Semplice, per accaparrarsi anche la fetta di mercato relativa a persone che hanno una minore disponibilità economica.
Ecco la lista di alcuni sottomarche che, però, sono realizzate da marche autorevoli:


COOP

*Le Fette biscottate Coop sono prodotte da Colussi
*Il riso Coop thaibonnet è prodotto da riso Scotti
*Il riso linea FIOR FIORE COOP è prodotto dalla Scotti
*L’olio extra vergine COOP è prodotto dalla Monini
*La birra COOP è prodotta da Pedavena
*Gli Spaghetti Coop sono prodotti dal Pastificio Corticella
*Parte della Pasta a marchio coop linea “fior fiore ” è prodotta dal pastificio Liguori
*La Pasta a marchio coop è prodotta dal pastificio Rummo
*Le orecchiette e la Pasta fresca a marchio Coop sono prodotte da Pastaio Maffei
*Molti biscotti Coop sono prodotti da Galbusera
*Gli Amaretti Coop sono prodotti da Vicenzi
*I grissini Grissogiotti Coop sono prodotti da Pan d’Este
*Una parte dei Wurstel Coop sono prodotti da Wuber
*La Pizza surgelata Coop è prodotta da ItalPizza
*Il Panettone e Pandoro Coop sono prodotti da Maina
*Il Latte UHT Coop è prodotto da Granarolo
*I Pannolini Coop sono prodotti negli stabilimenti degli Huggies
*La Carta igienica Coop è prodotta negli stabilimenti Scottex
*I Pop Corn e le Patatine Coop sono prodotti da Pata
*Le Pastiglie lavastoviglie Coop sono prodotte negli stessi stabilimenti Finish
*I Plum Cake Linea 1€ Coop sono prodotti da Dino Corsini
*Il Thè Coop in bottiglia è prodotto dalla San Benedetto
*Il Mix di formaggi grattuggiati Linea 1€ Coop sono prodotti da Parmareggio
*Le Patate prefritte surgelate Coop sono prodotte da Pizzoli
*La Panna da Cucina Coop è prodotta da Sterilgarda
*L’aceto di mele bio a marchio coop è prodotto da Ponti
*La carne linea Fattoria Natura è prodotta da Amadori
*I Crakers Coop sono prodotti da Mavery (Galbusera)

CONAD

*La Colomba Conad è prodotta da Paluani
*La pasta Conad è prodotta da Rummo
*L’orzo solubile BIO Conad lo fa Crastan
*Il riso Conad è prodotto da Curti
*Uno dei produttori dei Wurstel Conad sono i Beretta (Wuber)
*Gli hamburger di prosciutto cotto Conad sono prodotti da Casa Modena
*I Savoiardi Conad sono prodotti da Vicenzi
*Gli Amaretti Conad sono prodotti da Vicenzi
*Il Panettone Conad è prodotto da Bauli
*Il Pandoro Conad è prodotto da Paluani
*Il Latte fresco Conad è prodotto dalla Granarolo
*Lo Yogurt Conad è prodotto dalla Vipiteno
*Il Latte di riso Conad è prodotto da Scotti
*Le Fette Biscottate Conad sono prodotte da Grissin Bon
*Le Prugne Secche Conad sono prodotte da Noberasco
*Le Panna da Cucina Conad è prodotta da Sterilgarda
*Il Burro Conad è prodotto da Parmareggio
*La Pasta formato speciale Conad è prodotta da Rummo
*Il Pesto, Salsa ai 4 formaggi e salsa ai funghi Conad è prodotta da Biffi
*L’Olio d’oliva Conad è prodotto da Farchioni
*Le Gallette di farro Conad sono prodotte da Fiorentini bio
*La birra M&N della Conad è prodotta dalla Union Slovena
*La marmellata Sapori e Dintorni della Conad è prodotta da Le Conserve della Nonna

CARREFOUR

*La carne in scatola Carrefour è prodotta da Kraft (Simmenthal)
*La Maionese a marchio Carrefour é prodotta da Biffi
*La Pasta Carrefour (formati speciali) è prdotta da Garofalo
*I Tortellini Carrefour sono prodotti da Rana
*Gli Gnocchi Carrefour sono prodotti da Rana
*Il Panettone e Pandoro Carrefour sono prodotti da Maina
*La Colomba Carrefour è prodotta da Maina
*Le Fette Biscottate Carrefour sono prodotte da Colussi
*Lo Yogurt Carrefour è prodotto da Mila
*Il Gorgonzola Carrefour è prodotto da Igor
*Il Caffè Carrefour è prodotto da Vergnano
*Le Patatine Carrefour in sacchetto sono prodotte da Amica Chips
*Il Burro Carrefour è prodotto da De Paoli Luigi e Figli
*Le Crostatine Carrefour Discount sono prodotte da Montebovi
*Il Latte UHT Carrefour è prodotto da Sterigalda
*I Succhi di Frutta Carrefour Discount sono prodotti da La Doria

ESSELUNGA

*Il caffè d’orzo per moka Esselunga è prodotto dalla Crastan
*Il Gelato Esselunga è prodotto da Sammontana
*Il Sorbetto ai limoni di Sicilia Bio Esselunga è prodotto da Sammontana
*Le Patatine Esselunga sono prodotte da Amica Chips
*Il Panettone e Pandoro Esselunga sono prodotti da Borsari
*L’Acqua Esselunga è la stessa della fonte Norda
*Il Caffè Esselunga è prodotto da Pellini
*La Marmellata Esselunga Top è prodotta da Rigoni di Asiago
*I Wafer Esselunga sono prodotti da Galbusera
*La pasta Esselunga è prodotta da Colussi
*Molti biscotti Esselunga sono prodotti da Galbusera
*Il caffé biologico Esselunga è prodotto da Pellini
*Il caffé espresso Bar Esselunga è prodotto da Cffé Do Brasil (Kimbo)
*Il succo di Frutta 100% Ananas Esselunga è prodotto da Zuegg

AUCHAN

*I Succhi di frutta Auchan sono prodotti negli stabilimenti Yoga
*Il Panettone e Pandoro Auchan sono prodotti da Paluani
*I Wafer alla nocciola Auchan sono prodotti da Balocco
*Le Patatine in sacchetto Auchan sono prodotte da Amica Chips
*L’Olio d’oliva Auchan è prodotto da Farchioni
*I capperi dell’auchan sono prodotti da Coelsanus
*Molti affettati Auchan sono prodotti da Beretta

DESPAR

*La Salsa tonnata Despar è prodotta da Biffi
*Il Panettone e Pandoro Despar sono prodotti da Bauli
*Lo yogurt Despar è prodotto da lattera Vipiteno
*Lo yogurt Despar con cereali è prodotto da Mila
*La colomba Despar è prodotta da Bauli
*La panna Spray Despar è prodotta da Co.Dap (Spray Pan)

DISCOUNT DICO

*Il Contorno surgelato Dico è prodotto da Orogel
*L’Acqua Effe Viva Dico provenie dalla stessa fonte della Sangemini
*I tortellini al proscitto crudo Dico-Dix sono prodotti da Armando de Angelis

LIDL

*I Savoiardi Lidl sono prodotti da Vicenzi
*Una parte dei Wurstel Lidl sono prodotti da Beretta (Wuber)
*I biscotti Realforno Lidl sono prodotti da Balocco
*Le mozzarelle Lidl sono prodotti da Francia
*La grappa del lidl è prodotta da Bonollo
*Il riso Carosio linea Lidl è prodotta da Curti
*grissini Certossa linea Lidl sono prodotti da GrissinBon
*La mozzarella di bufala Lidl è prodotta da La Mandara

Fonte: http://www.guidaacquisti.net/il-trucco-per-acquistare-prodotti-di-marca-a-meta-prezzo

BYE BYE ! ! !




Nunzia De Girolamo fuori dal governo. In una nota egli stessa afferma: “Mi dimetto da Ministro. L’ho deciso per la mia dignità: è la cosa più importante che ho e la voglio salvaguardare a qualunque costo. Ho deciso di lasciare un ministero e di lasciare un governo perché la mia dignità vale più di tutto questo ed è stata offesa da chi sa che non ho fatto nulla e avrebbe dovuto spiegare perché era suo dovere prima morale e poi politico. Non posso restare in un governo che non ha difeso la mia onorabilità”. 

Convocata a Montecitorio per rispondere alle interrogazioni urgenti di PD e NCD, dopo lo scandalo all’Asl di Benevento, non aveva trovato al suo fianco né collega di partito Angelino Alfano, né il premier Enrico Letta,ma questo era ovvio,in quanto gli "ominicchi" di tal fatta insieme all'attuale compagine di "vermi senza spina dorsale",che tra di loro chiamano colleghi di partito è unicamente proiettata a mangiare finchè ancora si può,quindi figurarseli a pensare ad altri che non se stessi non è davvero realistico.

Cmq il 4 febbraio si sarebbe dovuto discutere la mozione di sfiducia promossa dal Movimento 5 Stelle.

“Sono vittima di un combloddo!!!”: così si era difesa la De Girolamo in un’aula semivuota.
“Mi sono sbagliata, sono pronta a rientrare in Forza Italia. Alfano e i suoi mi hanno lasciata sola nel momento di difficoltà, Silvio non l’avrebbe mai fatto”.

Quindi secondo Denis Verdini e Deborah Bergamini,ora si prepara il cambio di casacca,e quello della ex ministra campana non sarà l'unico dietrofront.






lunedì 6 gennaio 2014

BERSANIX IN OSPEDALE ! ! !




Un grave malore ha colpito Pierluigi Bersani. L'ex segretario del Pd è stato ricoverato stamani mattina e poi operato all'ospedale Maggiore di Parma per un aneurisma cerebrale.


L'intervento dei sanitari ha comportato un operazione chirurgica durata oltre 3 ore.
Bersani sarebbe in condizioni stabili,ma la prognosi è ancora riservata. Per definire l'ex segretario del Pd fuori pericolo bisognerà comunque aspettare ancora almeno 72 ore. 

«Non presumiamo danni, adesso è in rianimazione, dove viene monitorato, ed è troppo presto per esprimere un parere assoluto, saranno decisive le prossime 48-72 ore», ha detto Ermanno Giombelli, il chirurgo che l'ha operato.

L'intervento è stato «complesso». Lo ha definito così il neurochirurgo che ha operato Bersani. L'operazione chirurgica è sostanzialmente servita per chiudere, con una specie di clip, una malformazione cardiovascolare, un aneurisma all'arteria cerebrale,una malformazione che potrebbe essere congenita visto che esistono precedenti in famiglia.

Le emorragie vengono calcolate in una scala da uno a quattro e quella di Bersani era al grado tre.
I danni neurologici da uno a cinque, e in questo caso il grado raggiunto era il due. Il fatto che Bersani sia sempre rimasto cosciente e che sia andato tempestivamente al pronto soccorso è considerato un fatto positivo dai medici,e tuttavia allarmante il fatto che il Bersani si esprimesse in un italiano corretto e comprensibile.
Danni definitivi, ha detto il dott.Giombelli, «non si presumono, ma dobbiamo vedere le indagini successive perché il rischio è rappresentato dalle ischemie cerebrali: ma il fatto che sia sempre cosciente è un fatto positivo, siamo abbastanza ottimisti».

Bersani, è arrivato al reparto di neurochirurgia dell'ospedale Maggiore di Parma in seguito «a un'improvvisa emorragia subaracnoidea diagnosticata poco prima presso l'ospedale di Piacenza».
Un forte mal di testa, gli attacchi di vomito,un comportamento deciso e vincente,e l'improvvisa mancanza di citazioni strampalate mentre era a casa, pronto per godersi il pranzo domenicale con la famiglia a Piacenza. È cominciata così la battaglia di Bersani. L'ex segretario Pd è stato accompagnato dalla moglie incredula, attorno alle 11, all'ospedale di Piacenza dove i medici si sono subito accorti che quei sintomi non erano da prendere alla leggera. 

Bersani, rimasto cosciente fino all'ingresso in sala operatoria dove è stato addormentato con l'anestesia, dopo una TAC è stato trasferito d'urgenza in ambulanza all'ospedale Maggiore di Parma nel reparto di neurochirurgia,qui è stato sottoposto a un esame angiografico, dopo il quale i medici hanno deciso di sottoporlo ad un intervento chirurgico.

martedì 31 dicembre 2013

SI E' DAVVERO CALATA NEI SUOI PANNI ! ! !



. . . .certo è che oltre a non fargli più pagare i fagiolini a 80 euri al Kg,ed aver cacciato via quello scroccone di Verdini bisogna proprio dire che si è davvero calata nei suoi "panni" ! ! !


                               Francesca Pascale ripresa satiricamente durante del (photo) shopping nelle vie del centro.



giovedì 26 dicembre 2013

ANCORA BOCCIA (TO) ! ! !



Quel rintronato di Francesco Boccia (PD),noto marito della De Girolamo non si dà per vinto ed insiste nel sostenere che la sua “web-tax” sia cosa buona e giusta. 
Ridefinendo così con forza il concetto stesso di "incompetente".



LA MUMMIA .... LOCANDINA DEL DISCORSO DI FINE ANNO ! ! !








martedì 24 dicembre 2013

BUON NATALE 2013 ! ! !



Tanti auguri a tutti i lettori,i sostenitori,i visitatori,ecc,che ci danno la forza,e la voglia di andare avanti,sempre e comunque!

P.S. E naturalmente buon natale a tutti i colleghi.









. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


lunedì 23 dicembre 2013

TU PAGHI ...LUI ANDRA' IN PENSIONE ! ! !






Il sindaco è stato assunto dai propri familiari prima di essere eletto in Provincia. E i contributi glieli paga la collettività. 

Ne parla Marco Lillo sul Fatto. Un episodio quanto meno dubbio. Il Comune e la Provincia di Firenze, infatti, da quasi 9 anni pagano i contributi per la pensione del dirigente di azienda Matteo Renzi. 
Dove sta il problema?   


"Il problema è che l'azienda che ha assunto il giovane Renzi come dirigente 8 mesi prima di collocarlo in aspettativa (scaricando l'onere previdenziale sulla collettività) è della stessa famiglia Renzi." 
Sono stati i consiglieri Francesco Torselli (Fratelli d'Italia) e Marco Semplici (Lista Galli) a porre il problema. L'assunzione di Renzi, altro punto importante, è avvenuta 8 mesi prima dell'elezione a presidente della provincia, il 13 giugno 2004. Fino a 8 mesi prima dell'elezione, la società di famiglia pagava molto meno di quanto poi provincia e comune verseranno per la sua pensione.

 LA CIFRA - Ma quanto pagano i fiorentini per la pensione del loro sindaco-dirigente in aspettativa? La cifra, finora chiusa nei cassetti, la fornisce la dirigente dell'amministrazione del personale di Palazzo Vecchio, dottoressa Chiara Marunti, in risposta ad una richiesta di accesso agli atti del capogruppo Pdl in Comune, Marco Stella. «Renzi Matteo, dipendente in aspettativa senza paga con la qualifica di dirigente.
 Tot. mensile: euro 3.241,21». Cioè, il Comune di Firenze paga mensilmente, in vece della società di cui Renzi è dirigente, la Eventi6 Srl, circa 3.200 euro, oltre alla spesa per l'indennità (lo stipendio) da sindaco, che è di 4.300 euro netti, circa 7.500 lordi. Il contributo al dirigente Renzi non copre soltanto gli oneri previdenziali, ma anche quelli «assistenziali e assicurativi», come previsto dall'articolo 86 del Testo Unico degli enti locali.
 Non solo, «l'amministrazione locale si legge nel Testo unico - provvede altresì a rimborsare al datore di lavoro la quota annuale di accantonamento per l'indennità di fine rapporto».

Fonte: http://www.tzetze.it/redazione/2013/12/renzi_e_laspettativa_a_carico_del_comune_1/index.html

giovedì 5 dicembre 2013

CANIS ET PORCELLUM ! ! !



Bocciato Porcellum,Padellaro:"Sentenza come una bomba,si delegittima tutto"





Il video-editoriale del direttore de il Fatto Quotidiano sulla decisione della Consulta che ha dichiarato incostituzionale il Porcellum. “La sentenza può avere effetti devastanti sulla politica italiana, come una bomba atomica, visto che ora potrebbe rendere incostituzionale tutto ciò che deriva da questa legge elettorale. Parliamo del Parlamento eletto da una legge incostituzionale, del governo frutto del Parlamento e dell’elezione del Presidente della Repubblica. Tra qualche settimana, quando usciranno le motivazione della sentenza, sarà la stessa Corte Costituzionale a poter mettere dei limiti a questa situazione paradossale”

FONTE: http://tv.ilfattoquotidiano.it/2013/12/04/bocciato-porcellum-padellaro-sentenza-come-bomba-si-delegittima-tutto/256615/

I FUORILEGGE (Marco Travaglio)

Volete prima la notizia buona o quella cattiva? Ma sì, dai, cominciamo con quella buona: nell’ottavo compleanno del Porcellum, voluto nel dicembre 2005 dall’Udc di Casini, scritto da Calderoli, approvato da tutto il centrodestra e poi conservato anche dal centrosinistra, la Corte costituzionale ha finalmente stabilito che quella legge non è soltanto una porcata: è anche incostituzionale in almeno due punti, il premio di maggioranza del 55% dei seggi alla Camera per la coalizione più votata (senz’alcun tetto) e le liste bloccate con i candidati nominati dai partiti. Ne discende che sono, se non giuridicamente, almeno moralmente incostituzionali tutti i parlamenti eletti con quel sistema: quello del 2006 (maggioranza Unione), quello del 2008 (maggioranza Pdl-Lega) e soprattutto quello attuale, uscito dalle elezioni del 24-25 febbraio.

Dunque sono incostituzionali anche il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, rieletto dai parlamentari incostituzionali, e con molti più voti del dovuto (quelli dei deputati Pd-Sel eletti dal premio di maggioranza ora cassato). E lo è anche il governo di Letta jr., che a Montecitorio gode di una vasta maggioranza dopata da quel premio ora caduto: decenza vorrebbe che i deputati in sovrappiù decadessero e andassero a casa. Insomma, tutto il sistema è fuorilegge. E, se avesse un minimo di dignità, procederebbe a una rapida eutanasia per riportarci al più presto alle urne con una legge elettorale finalmente legittima: una nuova, se mai riusciranno a trovare uno straccio di accordo (che sarebbe comunque frutto di un Parlamento illegittimo); o quella disegnata ieri dalla Corte con una sentenza formalmente “caducatoria” (cancella premio e liste bloccate), ma sostanzialmente “additiva” e “paralegislativa” (disegna un sistema elettorale alternativo al Porcellum, che sarà valido al deposito delle motivazioni, visto che il Paese non può restare senza legge elettorale neppure un istante).

Naturalmente lo sapevano tutti che il Porcellum era incostituzionale. Ma si comportavano come se fosse legittimo. Fino alla suprema protervia di pretendere, dal Colle in giù, che un Parlamento e un governo porcellizzati riscrivessero la Costituzione. Con la complicità di decine di presunti “saggi”, anch’essi incostituzionali per contagio, che hanno screditato se stessi e l’intera categoria prestandosi alla controriforma. Ora almeno quella minaccia pare sventata. Ma sia chiaro che qualunque altra “riforma” (tipo quella della giustizia) sarebbe viziata dallo stesso peccato originale: quindi si spera che lorsignori ci risparmino altre porcate.

La cattiva notizia è che, a causa dell’insipienza dei partiti e del loro Lord Protettore e Imbalsamatore, la Consulta riporta le lancette dell’orologio indietro di vent’anni, riesumando l’ultima legge elettorale della Prima Repubblica: quella con cui si votò nel 1992, il proporzionale puro con preferenza unica (a parte lo sbarramento al 4% per l’accesso alla Camera e all’8 per l’accesso al Senato dei partiti non coalizzati). Quella sonoramente bocciata dall’82,7% degli italiani il 18-19 aprile ‘93 nel referendum di Segni & C. che introdusse il maggioritario (poi in parte recepito e in parte no dal “Mattarellum”). Le forbici della Consulta proprio questo fanno: trasformano il Porcellum da legge maggioritaria in legge proporzionale spianando la strada ai nemici del bipolarismo. Napolitano, Letta, Alfano e Casini in testa: i nostalgici dei governi che non nascevano delle urne, ma dagli accordi aumma aumma nelle segrete stanze dei partiti e del Quirinale.

Se, come dicono, Renzi e i 5 Stelle vogliono difendere il bipolarismo (“Morto il nano, ce la giocheremo noi e il Pd, e ne resterà solo uno”, tuonava Grillo), possono rendere un grande servigio al Paese: scrivendo insieme una nuova legge elettorale, col ritorno al Mattarellum o col doppio turno alla francese, che salvi il bipolarismo. Se invece ci faranno votare con la legge della Consulta, ci condanneranno a un futuro terrificante: quello dell’Inciucio Eterno.

Il Fatto Quotidiano, 5 dicembre 2013

mercoledì 20 novembre 2013

ZINGARI - IL FURTO FINO A 200 EURI NON E' PIU' REATO ? ? ?

Si informano i lettori che questa notizia pare essere una bufala,pertanto è stata rimossa allo scopo di effettuare un più accurato controllo della scala delle fonti.
Ci scusiamo con i lettori,ma a volte il fenomeno della ridondanza colpisce anche noi.

martedì 19 novembre 2013

IPOTESI DI GOMBLODDO ! ! !



Nei giorni scorsi assistevo incuriosito alla "scissione" del pdl ad opera del "traditore" Alfano,e mi tenevo informato su tutto il teatrino mediatico che vedeva,e vede tutt'ora impegnati media e giornali nell'analizzare sotto ogni fronte (circa) la vicenda.



Ora nella confusione di ipotesi: tra chi sostiene trattasi di abbandono della nave da parte dei "topi",chi ritiene invece che si sia trattato di un gesto di responsabilità da parte dei cosidetti governativi  del pdl,gesto questo atto a sostenere il governo Letta per un supposto bene superiore del paese,e chi invece pensa che semplicemente "il delfino" Alfano insieme alla sua "sporca" manciata di appaltatori abbia deciso il grande passo di scavalcare il padre padrone del partito a fini carrieristici (in quanto B. occupava il gradino più alto della piramide togliendo ogni speranza per Alfano,definito il senza quid),in questo caso Alfano avrebbe promesso altrettanti scatti hai suoi "nuovi" seguaci.

Insomma durante tutto ciò,riflettendo sulle doti pratiche,e la capacità del cavaliere di copiare ciò che vede,e che gli piace,mi sono ricordato della vicenda
Alitalia http://www.borsaitaliana.it/notizie/sotto-la-lente/bad-company.htm


Ed è così che mi sono reso conto che il cavaliere ha ben pensato di mettere su tutto stò teatrino,con una mossa che tutto sommato appare geniale,e fa venir fuori l'antico smalto del ladrone di Hardcore.
Come funziona la faccenda?
1) Il pdl si divide in due tronconi,da una parte la bad company con il cavaliere condannato,con tutta la sua inutile zavorra di servi e baldracche,con l'esercito di Silvio,e con milioni di berluscones che sostengono il cavaliere ciecamente in quanto li rappresenta pienamente,e da loro la speranza/sicurezza di continuare a farsi i cazzi loro,di continuare a sperare in indulti,in amnistie,in condoni infiniti,e chi più ne a più ne metta.
2) Dall'altra parte la good company composta dai governativi del pdl,questi con importanti incarichi di governo e controllo del paese,questi quasi senza pendenze penali,e soprattutto affrancati dalle gravissime responsabilità del tragico ventennio pdl (scaricato appositamente tutto addosso al cav. considerato oramai "bruciato").

In altre parole,immaginate un bidone d'acqua pieno di buchi,pieno di perdite (l'attuale pdl),perdite costituite dall'emorragia di voti (ad es. il voto perso dei cattolici che non sopportavano più cose come il caso ruby). 
L'attuale scissione costituisce la soluzione al problema,in quanto il neo partito,new centro destra è il sottovaso che raccoglie le predette perdite, ma che in buona sostanza non ha nulla di diverso dal partito dal quale è andato a dissociarsi.

Tenete presente che inoltre che il cav. con questa mossa è tornato all'opposizione,mestiere che egli predilige,e nel quale storicamente ha sempre offerto il meglio di se.
Da domani il cav. potrà,senza correre il rischio di essere addittato da sfascista,tranquillamente attaccare e criticare l'attuale governo con argomentazioni populistiche (no euro,no finanziamento pubblico hai partiti,ecc.),sguinzagliando tranquillamente i suoi cani rabbiosi,quali sono ad es. i vari Brunetta,Santanche,Capezzone Gasparri,ecc,e nello stesso tempo tenere il piede in due staffe tramite la good company,che nel frattempo avrà raccattato un nuovo bacino di voti composto dai delusi dal cav.e da un certo numero di nuovi votanti (probabilmente fuoriusciti dalla fila dall'astensionismo ad vitam).
Questa articolata mossa "politica" permetterà inoltre al cav. di tirare un siluro,una gigantesca inculata a Matteo Renzi,al quale verrà sottratta sotto al naso una grossa massa di votanti sui quali il Renzi (di sicuro) faceva già incautamente affidamento,e non escludo che così facendo il cav. riesca a fregarsi pure il voto di qualche indeciso M5S alle prese con i dubbi sull'art.4,sul nuovo statuto,e sul "piccolo dittatore".


:(




sabato 9 novembre 2013

LUNEDI 11/11 STATE LONTANI DA MONTECITORIO ! ! !



Attenzione alle teste, da qui a lunedì; può arrivarci sopra un satellite che pesa quanto una autovettura. 




Naturalmente l'allarme è d'obbligo,e il fatto è vero. C'è un satellite che sta per rientrare nell'atmosfera: si tratta del Goce, un satellite dell'Esa, l'agenzia spaziale europea. Attualmente è ad una altezza di 160 Km. dal suolo, ma ha finito il carburante e la sua orbita lo porterà nelle prossime ore sempre più in basso. E quando comincerà ad attraversare gli strati alti dell'atmosfera, comincerà a bruciare e a spaccarsi. Gran parte del satellite, in questa maniera, verrà vaporizzato. Il rischio è per il nucleo centrale, del peso di 200 chilogrammi, che potrebbe giungere al suolo quasi integro,ed a quel punto secondo i nostri ultimi calcoli dovrebbe centrare in pieno il tetto in vetro della camera dei deputati con una potenza stimata di circa 0,4 megaton,e scrivere così la parola fine ad un bruttissimo b-movie.

Quindi lunedi girate al largo . . . se non siete berluscones!

lunedì 4 novembre 2013

. . . . QUELLA MALEDETTA PARODIA D' UOMO ! ! !



STANGATA IN ARRIVO PER FILTRI E CARTINE




Un emendamento del PDL (IL PARTITO VOTATO DAI BERLUSCONES!) porterà l'Iva al 58% per chi fuma sigarette rollate

Quindi IVA al 58,5% sulle cartine e sui filtri per confezionare le sigarette “rollate”, sempre più in voga tra la popolazione,soprattutto nelle metropoli italiane.
Naturalmente il boom delle sigarette da rollare va di pari passo con l'impoverimento della popolazione stessa che tenta disperatamente di tagliare i costi,lampante perciò che aumenti in questa direzione vadano a colpire solo i cittadini con minore disponibilità
economiche,nonchè i giovani.


Questa ennesima tassazione sarebbe la copertura finanziaria per l'emendamento del PDL (a firma di Giancarlo Galan e Renato Brunetta) al decreto legge scuola, all’esame dell’Aula della Camera. Il decreto attualmente prevede come copertura, tra l’altro, l’aumento delle accise sulla birra, mentre l’emendamento del PDL propone in alternativa di innalzare l’Iva su tutti i prodotti necessari per rollare il tabacco,oltre ad un bel aumento secco di 40 centesimi sulle sigarette.

O birra e sigarette, o cartine,filtri,e sigarette quindi. Tre prodotti “cult” soprattutto delle giovani generazioni rischiano una vera e propria stangata. L’emendamento deve essere discusso dall’Aula della Camera probabilmente nella seduta di domani lunedi 04/11.

MI RACCOMANDO,CONTINUATE A VOTARE QUESTA GENTE COSI' DA ACCELLERARE ULTERIORMENTE LA FINE DI QUESTO PAESE,CHE "NOIALTRI" SIAMO STANCHI DI QUESTA INTERMINABILE AGONIA!!!
GRAZIE.