martedì 31 gennaio 2012

LA PAGA,I TAGLI,GLI AUMENTI,E LA MIA CONFUSIONE.

                                                                                        


La composizione della pusta paga dei deputati: Prima di tutto si legge la voce “indennità” che in parole povere sarebbe il netto dello stipendio, a cui seguono la “diaria” e i “rimborsi”; poi abbiamo “l’assegno di fine mandato”, “le prestazioni previdenziali e sanitarie” e i “rimborsi relativi ai trasporti”.

l’indennità è formata da dodici mensilità il cui importo mensile è di 5486.58 euri, al netto delle ritenute previdenziali, assistenziali della quota contributiva per l’assegno vitalizio e della ritenuta fiscale.
 La diaria invece è a titolo di rimborso spese per la permanenza nella capitale che ammonta a 4003.11 euri mensili, ma che viene decurtata di 206.58 euri per ogni giorno di assenza del deputato dalle assemblee che prevedono votazioni.
 Ma la presenza viene calcolata nel caso in cui presenzi al 30 % delle assemblee; ma la misura mensile della diaria è ridotta di 500.00 euri, l’importo sara’ quindi pari a 3503.11 euri che sommati ai 5486.58 euri dell’indennità arriviamo a 8.989.69 euri.
 Una somma mensile di 4190.00 euri viene aggiunta sotto la voce di “spese inerenti al rapporto tra eletto ed elettori” (che comprende praticamente costi di schede telefoniche) ma per il triennio 2011 - 2013, la misura mensile del rimborso eletto-elettore è ridotta di euro 500.00 euri il che significa che l’importo sara’ quindi pari a 3690.00 euri che sommato ai precedenti 8989.69 arriviamo a 12.679,69 euri.
 I deputati ovviamente hanno delle speciali tessere per non pagare treni, aerei, autostrade, traghetti e così via, ma per i trasferimenti dal luogo di residenza all’aeroporto più vicino è previsto un rimborso spese trimestrale pari a 3323.70 euri, ma se per raggiungere l’aeroporto, il deputato deve percorrere più di 100 km allora il rimborso è di 3995.10 euri.
Quindi ad ora siamo arrivati a 3995.10 euri, ma andiamo avanti: i deputati dispongono di 3098.74 euri all’anno (che sono 258.23 euri/mese) per le spese telefoniche (a cui però non corrisponde un cellulare, in quanto la Camera non lo dà in dotazione.

Poi il deputato ogni mese versa in un apposito fondo 526.66 euri per la propria assistenza sanitaria integrativa; in ultimo poi ogni deputato versa mensilmente, in un apposito fondo, una quota del 6,7 per cento della propria indennità lorda, pari a 784.14 per l’assegno di fine mandato (che è pari all’80 % dell’importo mensile lordo dell’indennità, per ogni anno di mandato effettivo).
Questo significa, calcolatrice alla mano, che un deputato porta a casa tutti i mesi 14.269,62 euro.

 Ora l’ufficio di presidenza della Camera ha  deciso di ridurre lo stipendio dei 630 deputati “di 1.300 euro lordi”, circa 700 euro netti.
Questo significa un taglio alle paghe pari al 0,5 % netti, praticamente  come ( ma senza accusarne il peso però) un taglio ad uno stipendio di 1500 euri di 75 euri.
E nonostante tutto (perchè è una miseria) sarei anche felice per questa notizia se solo non riuscissi a capire le sofferte motivazioni che li hanno portati a questo gesto compiuto nel maldestro tentativo di darsi una ripulita in prospettiva elettorale  mentre i "loro" mezzi d'informazione spargono letame e censure a destra e manca.



P.S. AGGIORNAMENTO AL POST.  Secondo il sito ufficiale del popolo viola l'aumento sarebbe una bufala o meglio i nostri politici avrebbero rinunciato ad un aumento inopportuno derivante dal passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo.
Fonte del aggiornamento:
http://violapost.wordpress.com/2012/01/30/fingono-di-ridursi-lo-stipendio-sgamato-lennesimo-bluff-della-casta/

venerdì 27 gennaio 2012

ALLA DERIVA!

2012 01 24 12.22.15 Nessuno stato può Costringere un Individuo a Produrre Ricchezza

Nessuno stato può Costringere un Individuo a Produrre Ricchezza


Stampatevi questo concetto nella mente: Nessuno Stato può costringere un individuo a produrre ricchezza. Solo l’individuo può decidere di farlo se le condizioni sembrano giuste per se stesso. Vi piaccia o no questa è la nostra natura .
Lo Stato, può mandare i carabinieri, i finanzieri e persino i carri armati. Lo stato può confiscare, imprigionare persino torturare. Ma, mai, mai e poi mai potrà costringere un individuo a fare del suo meglio per produrre ricchezza. E’ questo il vero motivo che ha distrutto ogni tentativo di regime comunista, niente altro.
L’essenza di quello che sta accadendo in Italia  è proprio questo. Ci sono categorie di produttori di ricchezza netta che hanno deciso che non vale più la pena di continuare. Non ci stanno più dentro, troppi rischi e poco (o niente) da guadagnare. Alcuni si fermano altri se hanno la forza (i camion) protestano come possono.
Dall’altra parte una pletora di parassiti impazziti, media mainstream in testa, che addita i manifestanti come mafiosi, affamatori (loro), assassini e cialtroni.
Per inciso, vorrei segnalarvi che qui  in Genova i pescatori hanno smesso di uscire in mare e di rifornire i grossisti. Il motivo: troppe tasse e regolamenti (che altro!).
L’ Italia non andrà in bancarotta per questioni legate all’incapacità dello stato nel farsi pagare le tasse, si può dire tutto di Befera ma non che faccia il suo sporco lavoro dannatamente bene, almeno dal punto di vista dei parassiti.In realtà la questione degli evasori fiscali e degli speculatori è una barzelletta. L’Italia andrà in bancarotta perchè chi produce ricchezza netta, ovvero non sussidiata dallo stato, non ha più convenienza a farlo. Dunque non lo farà.
Lo voglio ripetere per l’ennesima volta, l’Italia avrebbe potuto salvarsi con un taglio feroce della spesa pubblica e delle tasse. Prima di tutto abbattendo i costi della politica e i sussidi ai settori industriali improduttivi, poi con il taglio di pensioni e tagli agli stipendi pubblici. Non esiste un altro modo onesto per dirlo.
Si è scelta la via delle tasse, ed è comprensibile. Mario Monti è solo l’ultima incarnazione del sistema parassitario che sta distruggendo questo paese. Guardate le facce dei politici che lo sostengono sono sempre le stesse, hanno solo smesso di fingere di essere all’opposizione l’uno dell’altro. (E non fatevi ingannare dalla Lega, se davvero fosse all’opposizione ora sarebbe a fianco dei manifestanti anzichè a frasi le seghe in via Bellerio, troppo comode le poltroncine romane)
Dunque più tasse? Bene e noi smettiamo di lavorare. E’ questa la Rivolta di Atlante.


martedì 24 gennaio 2012

VI STRAPPO UN SORRISO?

Oggi tanto per fare qualcosa di diverso propongo a tutti i lettori di farsi una bella risata di due minutini,risata offertaci da un vero genio trovato su Youtube noto come Marquito.












Ecco finiti i due minuti possiamo tutti tornare al nostro comune euro-incubo,bye.  :)

domenica 22 gennaio 2012

AZZ....CHE NOTIZIA FANTASTICA!!!

Un batterio trasforma le alghe in biocarburanti

E’ stato modificato per digerire lo zucchero, producendo etanolo

 
 
Le alghe i cui zuccheri vengono trasformati in etanolo dai batteri Escheria coli genericamente modificati (fonte: Bio Architecture Lab.)  
 
 
Le alghe i cui zuccheri vengono trasformati in etanolo dai batteri Escheria coli genericamente modificati (fonte: Bio Architecture Lab.)
 
AZZ...CHE NOTIZIA FANTASTICA!!! 
 
Le alghe brune CHE CRESCONO COMUNEMENTE NEI NOSTRI MARI  possono diventare un'importante fonte di biocarburante. Questo grazie a un batterio molto comune che e' stato geneticamente modificato in modo da 'digerire' e trasformare in etanolo lo zucchero contenuto nelle alghe. La tecnica con cui e' stato ottenuto e' illustrata su Science dai ricercatori californiani del Bio Architecture Lab (BAL) di Berkeley.
''Circa il 60% della biomassa secca delle alghe e' costituita da zuccheri che possono fermentare, e circa la meta' di questi e' imprigionata in un solo carboidrato detto alginato'', spiega Daniel Trunfio, responsabile del Bio Architecture Lab. Per poter sfruttare questa importante materia prima, i ricercatori hanno pensato di utilizzare UN BATTERIO MOLTO COMUNE L'ESCHERICHIA COLI e ne hanno modificato il Dna rendendolo capace di produrre un enzima necessario a digerire l'alginato, oltre che una proteina di membrana che serve a catturare i pezzi dello zucchero digerito in modo da avviarli ad un processo di fermentazione che produce etanolo.
Si tratta di un passo avanti molto importante per la produzione di biocarburanti perche' le alghe sono la materia prima ideale per questa attivita': innanzitutto non sottraggono risorse all'agricoltura destinata a scopi alimentari, e poi hanno un contenuto di zuccheri molto elevato che favorisce un'ottima biomassa. Secondo i calcoli dei ricercatori, MENO DEL  3% DELLE ACQUE COSTIERE  POTREBBE PRODURRE ALGHE  A SUFFICIENZA PER OTTENERE  UNA QUANTITA' DI BIOCARBURANTE EQUIVALENTE A OLTRE 200 MILIARDI DI LITRI DI COMBUSTIBILE FOSSILE !!!!!!
Fonte: ANSA

sabato 21 gennaio 2012

IL PENTAPLO!

Ma mi chiedevo: Monti è l'uomo delle banche e si comporta di conseguenza accollando il debito a noi poveri  somari  come si evince chiaramente dai fatti,ma è anche l'uomo dei militari visto che ha messo (caso unico) un generale come min. della difesa,guardacaso proprio quel gen. Di paola che spinge tanto per avere i caccia ultima generazione inutilmente costosissimi ma tuttora  difettosi.

Il Governo italiano nel 2009 aveva infatti approvato l’acquisto confermato appunto nonostante la grave crisi odierna dal governo Monti di 131 nuovi caccia bombardieri americani, chiamati F35, per un costo totale di quasi 15 miliardi di euro,ma in costante crescita (siamo già oltre 17 mld!!!) per via dei difetti da risolvere.
Insomma dicevo Monti e poi senza dubbio l'uomo della casta,infatti i tagli dei costi della politica sono arenati,il taglio delle province pure,l'accorpamento dei piccoli comuni anche,il cambio della legge elettorale lo stesso,e si è anche assistito alla pietosa vicenda chiamata commissione  Giovannini, e intanto si tosano sempre le stesse pecore cioè noi.
Monti e poi l'uomo delle lobbies degli editori e non gli chiude il rubinetto dei finanziamenti miliardari di quasi un  miliardo  di euri l'anno ma rimanda al 2014!!!!

Ancora Monti è l'uomo degli speculatori e dei grandi capitalisti responsabili del disastro,infatti il governo tecnico dopo aver salvato gli interessi delle finanziarie e delle multinazionali ha fatto, con una prima manovra, il “lavoro sporco”, sostenuto dai partiti di centrodestra e centrosinistra e dopo aver rinunciato alla patrimoniale, alle tasse sui grandi patrimoni privati,ecc. ecc. ( le sedi sindacali e bancarie sono esenti dal pagamento dell’IMU), il governo colpisce i soliti con una manovra di lacrime e sangue contro proletari (operai, lavoratori, precari, pensionati, invalidi,e disoccupati vari).

Il prof. Monti è poi ultimo ma non ultimo l'uomo del clero che continua così felicemente a mantenere i propri privilegi di stato indipendente in casa d'altri senza naturalmente rendere conto di nulla (ricordo a tutti che trattasi del più oscuro,e di uno dei primi dieci  paradisi fiscali  mondiali , inoltre niente IMU,daltronde come già spiegato dal vaticano stesso essi non hanno scopi di lucro,aiutano i poveri,e così via,come potete constatare da soli,cmq pare che forse il papa allarmato dalle attenzioni dell'OCSE si appresti a varare nuove norme meno oscure.

In finale quest'uomo (Monti) non è trino è pentaplo!!!!

 

Che dire????
Prof. Monti . . . . . . . Simpaticamente . . .

domenica 15 gennaio 2012

PRENDETEVI TUTTO!!!

                    


                            



Ed ecco il nuovo grattino con cui il prof. Monti & co. farà uscire l'italia da tutti i guai.
(Grattino offerto gentilmente dagli amici del bar diamante di Cagliari).

...Certo che oggi è proprio un giorno alla soffri & spingi sia a causa della decisione delle agenzie di rating,sia a causa della politica seguita dalla BCE.
La decisione delle agenzie di rating infatti metterà uno stop alla possibilità che molti fondi pensione e di investimento comprino titoli italiani,dovranno anzi liberarsi della eccedenza alla percentuale fissata.
Tutto ciò tenderà quindi tramite una compressione della domanda a far rimanere gli interessi sui titoli di stato italiani alti costringendo il governo  a proseguire le politiche stagflatiche fin quì seguite, infatti ciò e causa dell'aumento di tariffe iva e accise recessive a causa di un più negativo percorso della curva di domanda e offerta dovute al drenaggio di reddito ai consumatori e all'aumento dei costi non direttamente produttivi per le imprese.
E mentre ci sarà un effetto demoltiplicativo della recessione sull'inflazione ci sarà purtroppo un effetto moltiplicativo a parità di cedolini nominali disponibili come sta avvenendo,e dell'inflazione sulla recessione.

Riguardo invece la politica della BCE dico solo che dovrebbe fare gli interessi di tutti i paesi dell'euro non solo della Germania basterebbe che facesse una politica monetaria più simile alla banca centrale inglese o alla FED U.S.A non è chiedere molto.
Ma certo alla Germania conviene un costo a parità di puri prezzi di produzione così  può garantire un prezzo del bene più basso per es. nel confronto con l'italia a causa di un costo del denaro più basso, a parità di rischio d'impresa, dovuto a un più elevato rischio paese e a una maggiore tassazione, a causa di una maggiore richiesta di risorse dello stato italiano rispetto a quello tedesco dovuto anche ai maggiori tassi sul debito dell'italia
Si crea così uno spread di competitività tra imprese italiane e tedesche non derivante dalla reale efficienza delle stesse imprese.
Se prima si poteva avviare a questo spread competitivo tra l'altro esogeno alle imprese tramite una svalutazione ora è compito della BCE se vuole fare gli interessi di tutti gli stati membri bilanciare il rigorismo tedesco con la politica monetaria espansiva nella fattispecie stampare moneta per acquistare titoli di stato e far rimanere gli interessi a livelli sostenibili necessaria ad altri stati.
Fonte: dott.comm.sbrag. Cotoletta Joe